Piccolissimi amici

Posted by on Ott 15, 2012 in Blog, Rimedi naturali | 2 comments

Gli oligoelementi

Gli oligoelementi sono sostanze che si trovano nel nostro organismo in piccolissima misura (dal greco olos, poco), vengono perciò misurati in microgrammi. Il loro apporto è tuttavia fondamentale e la loro presenza indispensabile al mantenimento del corretto equilibrio del nostro organismo.

Essi partecipano infatti ai processi fisiologici nel ruolo di biocatalizzatori, ovvero attivano le reazioni chimiche e metaboliche, mettendo in azione gli enzimi del nostro organismo e accelerandone la velocità, partecipano alla produzione di ormoni e anticorpi, oltre a contribuire a mantenere l’equilibrio idrico.

Il loro apporto avviene normalmente attraverso una sana alimentazione, ma il progressivo inquinamento dei terreni ha reso più povero il nostro cibo e può talvolta manifestarsi la necessità di integrarli al fine di ripristinare un sano equilibrio.

Lo scopo dell’oligoterapia è quello di ristabilire le funzioni metaboliche bloccate, attraverso la somministrazione di attivatori di facile impiego

e di elevata bio-disponibilità.

Occorre dire che l’oligoterapia è una terapia naturale e va a curare il “terreno” in profondità, cioè va a sanare la struttura particolare della persona. Tale trattamento ha effetti sul lungo periodo perciò gli oligoelementi hanno bisogno di essere assunti nel tempo.

I benefici dell’oligoterapia si mostrano lentamente, ma l’uso corretto degli oligoelementi porta a cambiamenti reali: si può passare da uno stato di totale assenza di vitalità ad un migliore stato di salute.

Gli oligoelementi fondamentali sono:

cobalto (Co), cromo (Cr), fluoro (Fl), ferro (Fe), fosforo (P), litio (Li), magnesio (Mg), manganese (Mn), rame (Cu), selenio (Se), silicio (Si), zinco (Zi) e zolfo (S).

Guardiamone alcuni per spiegare brevemente in quali occasioni è utile la loro collaborazione:

cobalto: disturbi digestivi, acufeni, vertigini, ansia;

–  fosforo: tosse asmatica, osteoporosi, affaticamento mentale;

litio: depressione, emotività eccessiva, insonnia, angoscia, diminuzione delle facoltà intellettuali per stress;

–  magnesio: colon irritabile, dolori artrosici, ipereccitabilità del sistema nervoso;

– manganese: gravidanza e allattamento, mancanza di energia, problemi sessuali, invecchiamento, anemia sideropenica, periodo pre-menopausa;

rame: influenza, reumatismi, stati infiammatori acuti o cronici;

Oltre ad agire singolarmente, gli oligoelementi si possono unire in associazione per ottenere effetti particolari, ad esempio:

manganese-cobalto: malattie delle vene  (varici, cardiopatie, cefalee, emorroidi), calcolosi, colite, ulcere, artrite;

–  manganese-rame: per rinforzare le difese, per i capelli e la pelle, è l’unico che si usa esternamente come impacco per le ferite che tardano a cicatrizzare e le ragadi al seno;

manganese-rame-cobalto: anemie;

–  fosforo-manganese-rame e fosforo-manganese-cobalto: nelle fibromialgie;

–  fosforo-magnesio: nelle palpitazioni, nella rinite e nell’asma allergica;

zinco-cobalto: diabete;

zinco-rame: stress, disfunzioni ovariche (amenorree), prostata, impotenza.

 

Gli oligoelementi si assumono con la “bocca del risveglio” (ovvero lontano da cibo, bevande, fumo, dentifricio, ecc.) la mattina a digiuno, a giorni alterni, mettendoli sotto la lingua e tenendoli in bocca un minuto, finché non vengono spontaneamente deglutiti.

Gli oligoelementi non lavorano sul malanno, ma sul malato!

2 Comments

  1. vene varicose: che oligoelemento prendere?

    • Ti consiglierei il manganese-cobalto 3 volte alla settimana, abbinato magari a quelle erbe che tonificano i vasi sanguigni e facilitano la circolazione, specialmente ora che inizia il caldo ce ne sarà bisogno!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *