Fumo sacro

Posted by on Apr 18, 2012 in Blog, Esoterismo | 0 comments

Olibano (Incenso)

L’incenso è la più conosciuta resina profumata,  dalle incomparabili virtù magico esoteriche, e viene fatta trasudare dalla Boswellia Carterii.

Per la sua capacità di mettere in contatto con la sfera spirituale viene usata in ogni pratica, fin dall’antichità, che voglia attirare il divino e scacciare le emanazioni negative.

Supporto prezioso per ogni tipo di pratica magico religiosa, in virtù delle sue caratteristiche, è in grado di esaltare adeguatamente ogni altra resina o pianta.

Si utilizza nelle consacrazioni, purificazioni, propiziazioni, meditazioni, divinazioni, per lo sviluppo delle facoltà psichiche, nei rituali religiosi, per la pulizia dell’ aura, ecc.

Copale (copal)

È una resina odorosa di color giallo chiaro, dall’aroma pungente, ricavata da diversi alberi di origine messicana e centro-americana in genere.

Il copale svolge la sua funzione nelle pratiche di meditazione e purificazione spirituale volte ad aprire il cuore all’amore, o in incantesimi tesi ad attirare amore, gioia e ricchezza.

Viene raramente usato da solo, più spesso è bruciato insieme ad altre piante aromatiche o incorporato all’incenso (olibano).

Storace e benzoino

Queste resine, estratte dallo Styrax officinalis e dallo Stirax Benzoin, sono ottimi magneti di influssi positivi; vengono usati per la purificazione, la prosperità, nei rituali curativi, di protezione, benedizione, per lo sviluppo dell’energia spirituale e nelle invocazioni.

Si usano inoltre nelle pratiche di accrescimento finanziario e materiale, sviluppano le qualità intellettive, la sensibilità, l’ottimismo, e sono inoltre ottimi sostegni nelle operazioni di terapeutica occulta.

Ancor più spesso sono usati per profumare gli ambienti, che impregnano del loro aroma dolce ed esotico rendendoli più accoglienti.  Infatti l’azione di queste resine è benefica sul piano emotivo ed aiuta a superare i momenti di crisi, di ansia, depressione, rabbia o semplicemente di stress.

Mirra (Commiphora myrrhae)

La mirra è una gommoresina marroncina che trasuda da alcuni alberi originari delle coste orientali dell’Africa settentrionale e dell’Arabia.

In magia viene usata per protezione, esorcismi e rituali spirituali, oltrechè nella concentrazione.

Le fumigazioni di Mirra sono fortemente purificatrici e amplificano le vibrazioni positive e la forza di volontà.

La mirra dona maggiore efficacia agli incensi ai quali viene aggiunta.

I suoi fumi servono a consacrare, purificare e benedire gli oggetti sacri, gli amuleti e i talismani, gli oggetti magici in generale.

Fornisce l’energia magnetica necessaria ad ogni realizzazione, stimola l’attività cerebrale, lo studio e la ricerca in ogni attività che richieda impegno psichico.

È inoltre utilissima per la meditazione e la contemplazione.

Alcuni la usano per i sacchetti talismanici ed i rituali di guarigione.

Palo santo (Bursera graveolens)

“Palo santo para limpiar tu casa de las malas energías, Palo santo para la buena suerte”

Il Palo santo è una pianta tipica di certe zone dell’America e viene chiamato “santo” perchè fiorisce a Natale, gli alberi, che sono protetti, non vengono tagliati ma vengono usate le parti che spontaneamente cadono.

Il suo uso è tradizionalmente molto ampio ma si usa perlopiù per cacciare le cattive energie che provocano malesseri fisici ma anche psicologici come la depressione, la tristezza, il cattivo umore.

È utilizzato anche come protettivocontro il malocchio, soprattutto per i bambini piccoli, ma anche contro le malattie quando vengono a contatto con persone estraneee.

Si usa anche in casa per allontanare le zanzare e gli altri insetti nocivi, mentre l’olio essenziale lo si usa per le affezioni della pelle.

Pezzetti di legno possono essere masticati per prendere coraggio nelle situazioni che ci inquietano.

 

 

Salvia, ruta e artemisia

Queste piante si bruciano insieme per purificare sia gli ambienti che le persone.

 

 

 

 

 

 

 

Si usano in fumigazioni con preghiere e scongiuri volti ad allontanare ogni negatività presente.

Dopo la fumigazione con queste erbe, volte appunto ad allontanare le influenze malefiche, possiamo bruciare alcune resine al fine di attrarre energie positive, scegliendo di volta in volta quella che ci sembra più utile per le nostre esigenze.

 

 

 

Per effettuare queste fumigazioni occorrono un recipiente, preferibilmente di terracotta e con una forma tale da poterlo trasportare in tutte le stanze senza difficoltà, ed  i carboncini, che accenderemo e sui quali, una volta diventati incandescenti, metteremo resine o  erbe, a seconda dello scopo che vogliamo ottenere.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *